Elenco news
13/12/2011 - Mangiare felici 2.

Potere battericida: lo sapevano le nostre nonne, che stendevano al sole la biancheria per renderla più bianca, ma anche perché conoscevano l'azione battericida del sole, capace di distruggere anche microrganismi come lo stafilococco: esponendo lesioni da stafilococco (alcuni tipi di dermatiti) ai raggi solari, si ha un'azione battericida e si riduce l'infiammazione. Stimolo ormonale, tramite la ghiandola pituitaria: studi fatti sugli uccelli hanno dimostrato che senza una fonte di luce equilibrata, il percorso apparato visivo/sistema endocrino (ghiandole pituitaria e pineale) viene alterato. Queste alterazioni hanno profonde implicazioni sulla vita di un uccello. Un'illuminazione non adeguata può portare ad agitazione, deplumazione, debolezza, problemi riproduttivi e disturbi metabolici da alterazione della produzione di testosterone e di ormone della crescita GH. Attivazione dei sistemi di neuromodulazione: il sole è un antidepressivo. L'effetto terapeutico della luce nei confronti della depressione è riconosciuto anche dalla medicina accademica. Diversi studi dimostrano infatti che, nelle regioni geografiche dove la luce del sole è carente, i tassi di suicidi sono aumentati rispetto alle regioni più assolate. In uno studio pubblicato sul Journal of Affective Disorder si è osservato che nei mesi invernali i sintomi da sindrome depressiva possono essere alleviati semplicemente con una passeggiata di un'ora all'aperto, la mattina. Per alcune malattie dermatologiche il sole è una vera e propria cura, purché ci sia una esposizione di almeno tre settimane consecutive in un luogo con clima secco, perché il sudore può irritare la pelle e peggiorare la situazione. Nella psoriasi, dermatite o vitiligine, l'abbinamento di sole e acqua salata può portare grandi benefici.